Quando il troppo diventa niente

L’avidità è un vizio capitale, e ci sono mille modi per essere avidi: essere avidi di ricchezze è quello di gran lunga meno grave.

Abbiamo il culto dell’accumulo.

Accumuliamo vestiti e scarpe, soprammobili, libri, dischi. Cose inutili, che non usiamo e che non ci servono ma che vogliamo con foga.
Accumuliamo ricordi, che accatastiamo convulsamente nelle foto brutte fatte di fretta con lo smartphone, negli scarabocchi non curati che postiamo sui social, nei monologhi che riversiamo sui blog.
Accumuliamo sensazioni, emozioni, idee, in una continua ricerca di stimoli.
Accumuliamo persone, con cui ci manca il tempo materiale per creare rapporti profondi.

E poi, in questi accumuli, non troviamo mai quello che ci serve davvero: è perso, come la specifica foto della nonna nei terabite di hard disk dove siamo SICURI di averla salvata. Sicuramente è li, ma non la troveremo mai.

Forse invece di accumulare dovremmo seriamente pensare di SCEGLIERE.
Scegliere vuole dire ridurre, eliminare, perdere, inevitabilmente, qualcosa di cui sentiremo la mancanza… ma almeno in quella mancanza sapremo ancora che esiste.

Così invece è tutto li. Disponibile e perso, dentro un armadio di cose altrettanto inutili.

SCEGLIERE è tutto quello che ci distingue dai computer: i computer non scelgono, immagazzinano e basta. Se vogliamo sperare di essere migliori di loro, dobbiamo smettere di affidare archivi senza cervello a macchine senza capita di discernimento e iniziare a esercitare, di nuovo, il nostro libero arbitrio.

L’alternativa è comprare un altro hard disk, spendendo poche centinaia di euro e rimanendo perfettamente idioti, come il computer a cui lo andremo a collegare.